Meeting Missoni 4 Marie Claire:Design DNA Three woman design an empire

photo (85)     photo (18)

photo (3)

Angela Missoni, talks Design DNA and creating your own destiny

«My mum has the the passion for fashion. The example of watching my mother designing is where I took my inspiration»says Angela Missoni, second of the three generations of female designers who run the Missoni brand, a family empire known for their iconic kaleidoscope knitwear.

We meet for tea to discuss Missoni for a moment, by the Victoria and Albert Museum, in London, where she is exhibiting her designs for the latest ‘Italian Glamour’ exhibition.

Within minutes of meeting, she is transfixed by a beautiful green medieval stained glass window, which means that she’s answered my first question, without me even opening my mouth. «I’m inspired by everything, everywhere. Depending on your mood, depends on what you see, your eyes see different things in that moment». A Missoni moment.

Three women, three generations, do you believe in the designer gene being in the DNA?

Fashion genes goes more through the women’s than the men’s. My two daughters have inherited that passion, as I did from my mother. There is a sensibility that comes through the genes. The work you can learn, but the passion you can’t.

A well known journalist once saw my collection and after a show, said wow the talent has not passed down through the generations, but when he saw my third show he admitted to making a mistake about that and said that anyone wanting to work with colour, should look at what Angela Missoni did for Missoni.

What has been Missoni’s proudest moment as a fashion house?

There have been many over 60 years. My parents (Rosita and Ottavios’) first windows of Rinascimento in 1958 and when they had their first covers in France in 66, and in Italy in 64 are memorable moments. In the 70s, after a Sala Bianca show, in Florence, at the Palazzo Pitti, my mother said to my dad “We made it.” My father then decided not to show anymore in Florence, and then he started the Milano Fashion Week. The NY Times wrote “Missoni is already a good reason to go to Milan.”

I have been doing this for 18 years, so for me, my proudest moment was when I did the campaign with Mario Testino. When I worked with Mert and Marcus, and Giselle wore the Missoni bathing suit, meant that the Missoni bikini and the Missoni kaftan became iconic items in the wardrobe. The word Kaftan doesn’t exist inside the wardrobe, beside existing in the South East. The bathing suit collection is a big business for the brand today and I think that bathing suit made the zig-zag come back.

If Missoni were a time machine, and could go back to any decade and redesign their garments, who what era would it be?

Renaissance, because they were inventive and had a rebirth, a new energy. (Which is ‘fitting’, because Missoni dressing Michelangelo’s David in an all in one Missoni knit, for a campaign)

Are you more inspired by the city or the countryside, do you find that you are most productive designing from, your home in the woods?

The countryside gives you the calmness to elaborate things. A lot of designers would design and then travel after their collections to get more inspiration, whereas today in a technology driven world, we don’t have to do this.

Missoni is iconic. It’s colours and geometry are almost mosaic. Do you have any favourite artists that inspire your work eg Picassso or Gaudi?

Most of the modern painters, futuristic, Matisse being one of them, I love his use of colour.

I’m inspired by my travels. When I was in Columbia, I saw these women weaving multi coloured embroideries, without wool, but with vegetable fibres, making use of everything.

What’s your favourite item in your Missoni wardrobe?

A trench from 9 years ago. Sometimes I have to hide it in my wardrobe, if not from me, from mum mum, or we would wear it all the time. It’s a multi-coloured tweed with a movement of a zig-zag underneath. I am proud that Missoni makes garments that works for all ages, me, my mother, my daughter, my best friend. Whether you are in your 80s, or your 20s, you can be contemporary with colour, even if the neckline is diverse, maintain the look, but in a different way.

Do you believe in destiny?

When I divorced, I realised for the first time, I could direct my destiny. If you don’t decide, time will decide for you, but I believe you make your own destiny.

The Glamour of Italian Fashion in post-war Italy, is the theme of the Victoria and Albert Museum’s exhibition about ‘The Glamour of Italian Fashion 1945-2014’.

Missoni began in post war Italy. How do you think this time affected the designs?

The 50s after the war, was a time with a joy for life, a vibrant time. You had to really shrink your mind to think of a way to use different materials. If it wasn’t for the war we wouldn’t have the platform by Ferragamo and the cork soles he used, because he had nothing else to use. Or, what Chanel did during the war using those heavy men’s fabrics. Limits are good because they help you to invent.

What’s your favourite Missoni item mentioned in the exhibition?

It would have to be the 1973, coat with a cape, belt, checked, as worn by Faye Dunaway.

In the 70s, we started to gain recognition in the United States. Italy is the best country in the world. We are inspirational to other nations. They want to dress the way Italians dress.

Do you believe that a colourful dress has ability to change ones mood, and uplift ones spirit?

Yes. Absolutely. When people work at Missoni, you notice their style gradually becomes more and more bold. To wear a red lipstick, or a bold colour, takes courage, and in return it gives you back more courage. Now we’re in a moment of colour.

Italy’s post war hunger didn’t deter Missoni from designing bold, optimistic prints and looking to the future. Where there is a will, there is a way.

Missoni’s garments are currently on display at the V&A Museum’s mostra ‘The Glamour of Italian Fashion 1945-2014’, a Londra, sponsored by Bulgari, with support from Nespresso.

Nicola Ferlei-Brown

Published Marie Claire Italia April 2014

To read click here Marie Claire Missoni

Download PDF www-marieclaire-it Missoni Marie Claire Italia

new 2.tif

Photo ©Kim Andreolli

Missoni with Nicola Ferlei-Brown (2)

To read in Italian see below:

Passeggiando tra i capi esposti alla mostra The Glamour of Italian Fashion 1945-2014 al Victoria & Albert Museum di Londra abbiamo incontrato Angela Missoni. La stilista ci ha raccontato della sua genìa e del divenire artefici del proprio destino.

«Mia madre ha la passione per la moda. Vederla mentre crea è stata una grande fonte d’ispirazione» racconta mentre il suo sguardo viene catturato da una stupenda vetrata medievale di colore verde. «Sono ispirata da tutto, ovunque. Dipende dal tuo stato d’animo, da quello che vedi, i tuoi occhi vedono cose differenti in quel momento».

Tre donne, tre generazioni di stile. Il gene dello stilista è ereditario?

Il gene della moda si trasmette di più attraverso le donne che attraverso gli uomini. Le mie due figlie hanno ereditato questa passione, come me, da mia madre. C’è un tipo di sensibilità che si tramanda con i geni. Puoi imparare il mestiere, ma non la passione. Anni fa, un noto giornalista vide una delle mie collezioni e, dopo la sfilata, disse che, a suo avviso, il talento non era stato passato alla nuova generazione. Ma quando vide la mia terza sfilata dovette ricredersi ammettendo che, nell’uso dei colori, Angela Missoni stava contribuendo con nuova e originale ispirazione all’evoluzione del brand.

Qual’è stato il momento di maggiore orgoglio per Missoni?

In 60 anni ce ne sono stati tanti. Le prime vetrine dei miei genitori Rosita e Ottavio alla Rinascente di Milano nel ‘58, le prime copertine delle riviste italiane e francesi nel ‘64 e nel ‘66 sono momenti memorabili. Negli anni ’70, dopo una sfilata nella Sala Bianca di Palazzo Pitti a Firenze, mia madre disse a mio padre: “ce l’abbiamo fatta”. Da quel momento mio padre decise di non sfilare più a Firenze e istituì la Settimana della Moda di Milano. Poco dopo, il New York Times scriveva: “Missoni è una buona ragione per visitare Milano”.

Faccio questo lavoro da 18 anni, e per quanto mi riguarda, un motivo di orgoglio è stata la campagna pubblicitaria con Mario Testino. Quando lavorai con i famosi fotografi Mert and Marcus e la modella Giselle, il bikini e il caftano di Missoni divennero indumenti iconici. Il caftano, per esempio, si trovava solamente nei guardaroba mediorientali. Oggi l’abbigliamento da spiaggia è una parte importante del nostro brand, e credo che Missoni abbia contribuito a rilanciare le fantasie a zig-zag nei costumi da bagno.

Se potesse viaggiare indietro nel tempo e ridisegnare la moda del passato, quale epoca sceglierebbe?

Il Rinascimento, perché in quell’epoca l’uomo era creativo e stava rinascendo con una nuova energia (non a caso, per una pubblicità del 2010 Missoni ha vestito una riproduzione del David di Michelangelo con un multicolore tessuto a maglia ndr).

La ispirano di più paesaggi urbani o rurali? Si è più creativi disegnando a casa o immersi nella natura?

La campagna mi dona la calma necessaria per sviluppare le idee. Molti stilisti hanno bisogno di viaggiare tra una collezione e l’altra per trovare la giusta ispirazione, ma nel mondo tecnologico di oggi non è più necessario.

Missoni è un’icona, i suoi colori e le sue geometrie sono quasi dei mosaici. Quali sono i suoi artisti preferiti?

Mi interessano molto i pittori moderni, il Futurismo, e soprattutto Matisse. Amo il suo uso del colore. Quando sono stata in Colombia, ho visto queste donne che intrecciavano dei ricami multicolori senza la lana, ma con fibre vegetali, utilizzando qualsiasi materiale.

Tra i suoi qual è il capo d’abbigliamento Missoni che preferisce?

Un trench di 9 anni fa. A volte lo devo nascondere, perché sia io che mia madre lo indosseremmo sempre. E’ un tweed multicolore con un motivo a zig-zag in basso. Sono orgogliosa del fatto che Missoni riesca a creare vestiti per qualsiasi età, per me, per mia madre, per mia figlia o per i miei migliori amici. Non importa se sei negli anni ’20 o negli anni ’80, si può essere contemporanei con i colori anche se il taglio e la forma sono differenti.

Lei crede nel destino?

Quando ho divorziato, per la prima volta ho capito che ero padrona del mio destino. Se non decidi, il tempo deciderà per te, ma credo che ognuno è artefice del proprio destino.

Il glamour della moda italiana nell’Italia del Dopoguerra è il fil rouge della mostra in corso al Victoria and Albert Museum di Londra. Il brand Missoni nacque nel Dopoguerra. In che modo pensa che quel periodo storico abbia influenzato il suo stile?
Gli anni ’50 furono per il nostro Paese un periodo di grande vitalità e gioia di vivere. A causa della povertà e della mancanza di materiali, gli stilisti erano costretti a essere veramente creativi. Se non fosse stato per la guerra non avremmo avuto le scarpe di Ferragamo col plateau in sughero, semplicemente perché non c’era altro da utilizzare. Penso anche alle creazioni di Chanel dello stesso periodo, con quei tessuti maschili pesanti. A volte avere dei limiti aiuta a essere più ingegnosi.

Qual è il capo che l’ha colpita di più tra quelli esposti qui al V&A Museum?

Sicuramente il cappotto del 1973 a quadri con mantella e cintura, indossato da Faye Dunaway. Negli anni ’70 iniziammo ad essere conosciuti negli Stati Uniti.

Un vestito colorato ha il potere di cambiare l’umore delle persone?

Assolutamente sì. Quando la gente lavora da Missoni, puoi notare che il loro stile diventa gradualmente più audace. Truccarsi con un rossetto di color rosso fuoco o vestirsi con toni accesi richiede coraggio, e ciò infonde ancora più coraggio a chi lo fa. Ora siamo in un momento orientato al colore.

This entry was posted in BEAUTY, DESIGN, FASHION, INTERVIEWS, ITALY, LONDON, MARIE CLAIRE ITALIA, ROME. Bookmark the permalink.

2 Responses to Meeting Missoni 4 Marie Claire:Design DNA Three woman design an empire

  1. theshowear says:

    Complimenti! Bellissima intervista!

  2. Pingback: Momenti Moda: Italian Glamour 1945-2014 at the Victoria and Albert Museum, London | Ferlei Brown

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s