Soul Boys ‘Spandau Ballet’ on Rome’s red carpet @ Rome Film Festival 2014

spandau_ballet_roma

ballet

soul-boys bbc nationwide

Music and moda: British band Spandau Ballet discuss their 80’s documentary Soul Boys of The Western World.

Nicola meets the British band @ the 9th edition of the Rome Film Festival to discuss the positive reception of their new 80’s documentary “Soul Boys of The Western World” and their 2015 tour in Italy. They received an overwhelming emotional response and standing ovation during Rome’s screening.  After all, the power of  lead singer Tony Hadley’s voice has always struck a chord with the Italians. In 2011, he even featured in “Goodbye Malinconia”, a song by Italian rapper Caparezza. 

Spandau Ballet, were the Soul Boys who were listening to ‘Marvin, all night long’, and a welcome post punk era distraction to dance to, whilst Brixton burned. It was on the club scene at places like Blitz, and the Beetroot club, London, where a new wave, new romantic trend, was evolving, influencing designers like Vivienne Westwood and her 1981 Pirate Collection. Spandau Ballet, regulars on the club scene, were wearing frilly shirts and sashes with swashbuckling style, fitting the mood of the moment. Their dashing looks, great ballads and theatrical appearance was sure to keep them noticed, and did. They even managed to knock David Bowie off the No. 1 spot, and outsell the Michael Jackson Thriller album. But by 1989 the band had split, in an acrimonious dispute that was to last a 20 year separation.

Almost 35 years later, the boys are back to dominate arenas again, with their ‘Soul Boys of the Western World’ tour, following the success of their 2009 comeback tour, for which the tickets sold out in twenty minutes. Back together, Soul Boys Of The Western World, is an 80’s trip down memory lane, which celebrates and investigates the band’s story in a warts and all style documentary, directed by George Hencken, and produced by Julien Temple.

The documentary is an insight into the mergence of  music and fashion in London, The Punks, Glam, The Mods, the New Romantic scene, with archive footage documenting the bands story, of the how the band formed, and of friendships lost and reformed along the way. With interviews from the band members, as well as home video clips, it shows the trials and tribulations of being in the music business, the fame and the fun.

Nicola caught up with the boys in Rome to hear their latest news and discuss the emotional response in Italy, to Soul Boys of the Western World.

Do you still feel the same buzz now, reforming and touring, as you did with your initial success. Does it all come flooding back and can you all just slip back into Spandau Ballet mode naturally?

Steve: That’s what happens when we’re together. All the old jokes come out.

Gary: The music just clicks back in, it’s a common language that we have. You can see in the documentary theres a scene with us back together for the first time. I think we’re more relaxed with it now, we are more in control of what we are doing. Whereas before, you are only as important as your last hit, when you are at the forefront of pop music and now we have our legacy to be proud of that, and we have the weight of the film to prove it.

Tony: We all have our own individual style that we bring to the group. Whatever we play, whatever we do, it just sounds like Spandau, whatever kind of song it is.It’s got a sound, an identity.

Tony, you mentioned, that times are different now with social media and You Tube, the way of marketing was different back then. John, you mentioned that with Apps like Garage Band apps, anyone can say ‘i’m in a band’ nowadays, but then work out how hard it is. Do you think that the discipline and hard work that bands had to go through back then, as supposed to the manufacturing of bands today, and social media world of now, made your bond stronger as a group?

John: I think we’ve all had a collective responsibility, our work ethic has always been high on the list. I think it’s that responsibility between us that we don’t want to let anyone down. We wanted to earn it, the drive was there. The sense of being famous for being famous, and wanting to smash cars before you put in the work, didn’t exist for us, which has proliferated over the last 20 years.

Gary: We all have very similar family backgrounds, our dads were all hard workers, we are all from working class families.

Tony: It’s still today for bands, you still have to work hard. It’s still the same, it’s the way of advertising it is a bit different.

Gary: There’s not the same sense of ‘movements’ or tribes, like there were when we were coming through the 70’s. It was much more tirbal, there was glam, there was punk, and then there was us with the New Romantics. There are bands now, but there is not the same sense of youth culture crossover.

This time round you are a lot wiser, has the time lost strengthened the bond between you?

Steve: Although the band fell out we were always together in spirit.

Tony: Well there isn’t an alternative, who knows what we might have produced as a band.

Gary: I remember that moment when we got back together, 5 years as a band, there was such a feeling of relief. There more generosity now between us, musically and in every way. Giving each other more room. We are all different people. I’ve had 4 kids now, so my whole is different. The way I see life is different.

Martin: We came as experienced adults, we had experienced life to the full, for good or bad, and now we bring our experiences to the table.

As a band you have proved things can be overcome, wounds being healed and together you have more to offer as musicians. Were your kids any influence in the decision making to go back on tour? are any of them musically minded?

Tony: Finlay, Gary’s eldest son, and Mackenzie, my youngest son, are good, good mates, and would have a drink together and think ‘what is it between our dads’. Gary and I weren’t even talking back then.

Gary: They were trying to get us together. I think my son felt a bit sorry for me, as if Dad’s hobby is finished. But when we got back together and played big arenas. They were gobsmacked.

John: It’s one thing seeing the archive footage from the 80’s, but then when the lights went down at the O2 arena, that was an amazing moment for the children.

Gary: It’s tough for our children. My dad was a printer, taxi driver, terrazzo polisher. Whereas, our children have musicians as fathers.

Steve: My sons in a band, and Gary’s. My son is on Radio One. We’ll be on Radio Two. It’s great.

Gary: My son, Finlay has formed a musical duo with his girlfriend.

Will you be visiting the Pope for a blessing, and does he know you are here! Did you tell him you were coming. And on that note, are any of you superstitious, do you have any rituals when performing and touring?

Gary: Yes, we all look each other in the eye. I think for me, it’s double checking the sound check, and tech stuff. Its not nerves about messing up musically, I never worry about that,but the biggest fear before going on stage, would be if there was a technical failure, or an amp blowing. You’ve got hope for the best and that you have a great audience too.

John: Before you go on stage, there are certain rituals, yes. It puts all in our mindset, so that no matter where we are on Planet Earth, no matter where you’ve slept, or what you have eaten, that one hour before the gig, we have our own way of getting in the mode. It’s like a football team. Some of us are running around, some are calm. Tony will be in his underpants as usual, ten minutes before the gig, having a shower.

Martin: Its the funniest thing, before you go on stage, you can’t remember how to play anything, but then once you get on, it’s all there.

John: When I think that I have to sit on that drum stool and hit the drum sticks several thousand times for the next two hours, at various intervals, you think right! How do I do this? But then you count to 3, and you don’t think about it anymore, you do it.

All together: Vodka and Red Bull.

Martin Kemp: We will drink one of those and shake hands and wish each other luck.

Is beginning a tour hard on the stamina 20 years later, are you taking it all in your stride or is it a bit scary?

Gary:I think we had more to do in those days. We played harder. We stayed up harder. There’s a scene in Soul Boys, where we are doing Live Aid, we look so tired.

Tony:Physical demands of playing are still the same, 20 years later.

Was putting the documentary together left to the discretion of the Director, re choices of cuts from previous footage, or were you all actively involved every step of the way in making the film, with a view to how you wanted it to be perceived?

George chose the footage and put the documentary together. It was a bit of a treasure hunt, or like being a detective,before the days of online videos, trying to find the clips.

Martin, you’ve consistently worked in film and television as an award winning actor for many years. Is your musical side, as important to you as your acting side, and or is performing musically what you really prefer, since that’s where it all began?

Martin: No, music is where it all began for me, so this is what I love doing.

John, you said you didn’t like the way things originally ended with the band, that you wanted a better ending, so what do you plan, hope, now wish for Spandau Ballet for the future? Will you continue to make music together after this tour?

John: Yeh, absolutely. We are loving it. the film marks the end of Spandau 1.0, and this is our time, and we are loving it. This isn’t the end, it’s only the beginning. Phase two next. We are defined by Spandau Ballet. We’ve got a bit of time to make up, for lost time.

Martin: It took us 20 years to get back together again, it would be nice and do our thing. It’s what we do.

You will be playing in 5 Italian cities in 2015, which are you most looking forward to playing in Italy?

Gary: Oh, we can’t possibly say.

John: We’ve played all over Italy, we love Italy. They are some of our craziest fans.

Tony: The audience reaction to our documentary Soul Boys, was emotional.

Gary:There’s an honesty, an emotion in Italy, that does not exist in the UK. I never really appreciated how much they love us in Italy. That year that we had Through The Barricades out, that outsold Born In the USA and Thriller, in this country. I think Tony’s voice had a lot to do with it. There’s a sensibility towards the vocal, that the Italians get, and the melodic songs.

John: They are much less guarded in Italy.

Tony: The whole family have embraced us in Italy, the grandmother, the teenagers, the children.

What is your favourite Roman monument or moment?

Tony: Sabatini’s in Trastevere

Gary: Def the two Sabatini brothers signing opera to us at the table, at Sabatini’s in Trastevere.

Martin: Rome is such a beautiful city. Its so amazing to drive around, and see the Roman Forums, way under your feet, there’s ancient Rome. It’s incredible, I love it here.

The boys note how beautiful it is that Italians are more expressive with their emotions, more than Brits. True! We wish them everlasting success!

http://www.spandauballetthemovie.com

http://www.spandauballet.com

Spandau Ballet press session 2014

Italy 2015 Soul Boys of the Western World Tour Dates

24 marzo 2015 – MILANO, Mediolanum Forum
26 marzo 2015 – TORINO, Pala Alpitour
27 marzo 2015 – PADOVA, PalaFabris
28 marzo 2015 – FIRENZE, Mandela Forum
30 marzo 2015  – ROMA, PalaLottomatica

Their new album The Story – The Very Best Of Spandau Ballet is out now and no 8 in the UK charts.

Printed in Italy Magazine – November 2014

To read the article in Italy Magazine: http://www.italymagazine.com/featured-story/talking-british-band-spandau-ballet-rome

PDF Spandau Ballet Interview @ Soul Boys, Rome Film Festival Italy Magazine November 2014

Italian version:

Musica e Moda: gli Anni ‘80

“In Italia c’è un’onestà e un’emotività che è impossibile ritrovare fuori Italia”.

Gli Spandau Ballet parlano della reazione emotiva al loro documentario “Soul Boys Of The Western World”, in anteprima alla nona edizione del Rome Film Festival.

Nella Londra di inizio anni ‘80 gli Spandau Ballet erano i Soul Boys che ascoltavano Marvin Gaye tutta la notte, e in piena era post-punk, mentre il quartiere di Brixton veniva devastato dalle rivolte, una gradita e ballabile alternativa.

Fu nella scena dei club, in posti come il Biltz e il Beetroot Club, che la moda New Romantic nacque e si sviluppò, ispirando le creazioni di stilisti già affermati come Vivienne Westwood e la sua Pirate Collection del 1981.

Gli Spandau Ballet, re della ‘club scene’, indossavano camicie decorate e fasce dallo stile vistoso, perfettamente al passo coi tempi. Look raffinato, ballate eleganti e aspetto teatrale non poterono certamente farli passare inosservati. Si tolsero addirittura lo sfizio di spodestare David Bowie dal primo posto delle hit parade, e superarono Thriller di Michael Jackson nel numero di copie vendute. Ma nel 1989 la band si sciolse, squassata da un’acrimoniosa disputa legale destinata a tenere il gruppo separato per una ventina d’anni.

A quasi 35 anni dall’esordio i ragazzi sono tornati con l’intento di dominare le arene e gli stadi con il Soul Boys Of The Western World Tour, dopo il successo della reunion del 2009, quando i biglietti andarono esauriti in venti minuti.

Soul Boys Of The Western World, diretto da George Hencken e prodotto da Julien Temple, è un viaggio nella memoria che celebra e allo stesso tempo analizza la storia, i vizi e le virtù della band.
Il documentario esplora il rapporto tra la musica e la moda nella capitale inglese, la fusione di diverse sottoculture estetiche e musicali come il Punk, il Glam, i Mods e la New Wave, con immagini di archivio che documentano la storia della band dagli esordi alla reunion. Con interviste ad ogni componente e videoclip amatoriali, ci mostra le difficoltà di vivere nel music business, ma soprattutto il successo e il divertimento.

Nicola ha incontrato gli Spandau a Roma pere parlare della reazione emotiva del pubblico italiano a Soul Boys Of The Western World.


Ora che vi siete riformati e siete in tour, provate la stessa sensazione di eccitazione dei tempi dei vostri primi successi? E’ facile vestire nuovamente i panni degli Spandau Ballet dopo tanto tempo?

Steve: E’ ciò che succede quando siamo insieme. Ricominciamo a fare tutte le battute e gli scherzi di un tempo.

Gary: La musica torna a fluire, è un’alchimia, un linguaggio che condividiamo. Lo puoi vedere chiaramente nella scena in cui ci ritroviamo in studio per la prima volta dopo tanti anni. Credo che adesso viviamo quest’esperienza in modo più rilassato, e abbiamo totale controllo di ciò che stiamo facendo. Quando eravamo al top della scena pop internazionale, la nostra importanza veniva misurata in base al successo della nostra ultima hit, ora invece abbiamo questa eredità di cui andare fieri, e il peso di questo documentario a dimostrarlo.

Tony: Ognuno di noi ha il suo stile personale da aggiungere all’interno del gruppo. Qualsiasi cosa suoniamo, qualsiasi canzone suonerà inevitabilmente come gli Spandau Ballet. Ha quel tipo di suono e un’identità ben precisa.


Nel film accennate al ruolo che hanno avuto i social media come YouTube e Facebook nel ridefinire le strategie di marketing della musica pop, e di come, grazie ai software musicali come GarageBand, oggi tutti possono definirsi musicisti e avere una band. Credete che la disciplina e il duro lavoro che le band di una volta dovevano svolgere, in antitesi con il modo in cui vengono fabbricati gli artisti oggi grazie all’influenza dei social media, vi abbia aiutato ad essere più uniti come band?

John: Abbiamo dato sempre molta importanza alla nostra etica professionale, e abbiamo sempre condiviso un certo livello di responsabilità collettiva, cercando di soddisfare le nostre reciproche aspettative. Avevamo tutti la stessa voglia di farcela e la stessa grinta. L’idea di essere famosi per sé che è tanto in voga negli ultimi anni, voler distruggere automobili o andare ai party senza dover lavorare duramente, per noi non è mai esistita.

Gary: Abbiamo origini molto simili, i nostri padri erano tutti gran lavoratori, proveniamo da famiglie della classe operaia.

Tony: Ma oggi funziona ancora così per le band, devi ancora lavorare sodo. Ciò che è cambiato è l’aspetto del marketing.

Gary: Non c’è più il concetto di movimenti o tribù che esisteva quando abbiamo iniziato a metà anni ’70. Tutto era molto più tribale, c’era il Glam, il Punk, e c’eravamo noi New Romantic. Oggi ci sono molte band e artisti, ma non esiste la stessa idea di crossover di culture giovanili.

Oggi sembrate più saggi, credete che il tempo abbia fortificato il vostro legame?

Steve: Sì, anche quando il gruppo era sciolto, ci siamo sempre sentiti uniti spiritualmente.

Tony: In ogni caso non possiamo tornare indietro, chissà che musica avremmo prodotto se non ci fossimo sciolti.

Gary: Ricordo il momento in cui abbiamo deciso di riformarci, ormai sono passati cinque anni, c’era un grande sentimento di sollievo. Ora siamo tutti più generosi, musicalmente e umanamente, e ci lasciamo reciprocamente più spazio. Siamo inevitabilmente persone diverse, io per esempio ho quattro figli, il modo in cui vedo la vita è cambiato.

Martin: Ormai siamo adulti, abbiamo vissuto la vita al massimo, nel bene e nel male, ora vogliamo condividere la nostra esperienza con tutti.


Come band avete dimostrato che le difficoltà si possono superare, e ora avete molto da offrire come musicisti. I vostri figli hanno influenzato la decisione di riunirvi e suonare dal vivo? Qualcuno di loro è talentuoso musicalmente?

Tony: Finlay, il figlio maggiore di Gary, e Mackenzie, mio figlio più piccolo, sono molto amici, e a volte si sono incontrati per parlare di ‘cosa succede tra i nostri papà’. Ai tempi io e Gary nemmeno ci parlavamo.

Gary: Stavano cercando di farci tornare insieme. Credo che mio figlio fosse molto dispiaciuto per me, come per dire ‘papà non ha più il suo hobby’. Ma quando ci siamo riuniti e abbiamo ricominciato a suonare nelle arene erano sbalorditi.

John: Perché una cosa è guardare i vecchi filmati degli anni ’80, ma quando si sono spente le luci della O2 Arena è stato un momento incredibile per i nostri bambini.

Gary: Mio padre ha fatto il tipografo, il tassista e il lucidatore. I nostri figli invece hanno musicisti come padri.

Steve: Mio figlio suona in una band, e anche il figlio di Gary. Mio figlio sarà su BBC Radio One, noi invece su Radio Two. Tutto ciò è fantastico!

Gary: Mio figlio Finlay suona in un duo con la sua ragazza.


Farete visita al Papa per una benedizione, per caso ha saputo che siete a Roma?
Restando su questo tema, qualcuno di voi prega prima di un concerto? Seguite una routine prima di salire sul palco? Avete un rituale prima di esibirvi dal vivo?

Gary: Sì, ci guardiamo tutti negli occhi. Per quanto mi riguarda, controllo che tutto sia a posto a livello tecnico. Non ho paura di sbagliare le mie parti, ciò non mi preoccupa, ma la mia paura più grande prima di salire sul palco è che salti un amplificatore, o che ci sia qualche guasto tecnico. Devi sperare che tutto vada per il meglio e che ci sia un grande pubblico.

John: Sì, ci sono dei rituali prima di un concerto, ti mettono nel giusto stato d’animo. Nell’ora che lo precede abbiamo tutti il nostro modo di ‘entrare nel personaggio’. E’ come una squadra di calcio. Alcuni non possono restare fermi, altri sono più calmi. Come sempre Tony sarà sotto la doccia in mutande a 10 minuti dall’inizio del concerto!

Martin: E’ strano, prima di salire sul palco non riesci a ricordare quello che devi suonare, ma appena sei lì ti ritorna tutto in mente.

John: Quando penso che devo sedermi dietro la batteria e colpirla diverse centinaia di volte per più di due ore spesso mi chiedo come riuscirò a farlo. Ma appena batti il quattro con le bacchette non pensi più a niente, lo fai e basta.

Tutti: Vodka and Red Bull!

Martin: Ne beviamo uno, ci stringiamo le mani e ci auguriamo buona fortuna.


E’ fisicamente impegnativo essere in tour dopo vent’anni di assenza dalle scene? Ne siete intimoriti o riuscite a gestirvi senza troppi problemi?

Gary: Credo che ai tempi, oltre che a suonare, avessimo molto altro da fare. Suonavamo di più, dormivamo poco. Nel film si vedono le immagini della nostra esibizione al Live Aid, sembriamo così stanchi.

Tony: Lo sforzo fisico è sempre lo stesso, vent’anni dopo.

Siete stati coinvolti attivamente nella creazione di Soul Boys o avete lasciato fare tutto al regista? Vi siete preoccupati di aspetti come il montaggio o della scelta dei filmati d’epoca?

George ha scelto I filmati e ha messo insieme il documentario. Cercare i filmati girati prima dell’era dei video online è stato un po’ come fare una caccia al tesoro, o l’investigatore.

Martin, hai lavorato come attore per il cinema e la televisione per molti anni. E’ più importante il tuo lato musicale o quello legato alla recitazione?

Martin: Nella mia carriera tutto è iniziato con la musica, quindi suonare ed esibirmi è ciò che preferisco fare.


John, hai detto che non ti è piaciuto come ai tempi finirono gli Spandau Ballet, e che avresti preferito un finale migliore. Cosa ti auguri per la band, quali sono i vostri progetti futuri? Continuerete a fare musica insieme dopo il tour?

John: Sì, assolutamente, è quello che amiamo fare più di ogni altra cosa. Il film descrive la prima parte della vita della band, ma non è finita qui, è solo l’inizio della seconda parte. Gli Spandau Ballet ci hanno sempre definito come persone, ora dobbiamo recuperare il tempo perduto.


Vi esibirete in cinque città italiane nel 2015, qual è quella in cui non vedete l’ora di suonare?

Gary: Oh, questo non possiamo dirlo.

John: Abbiamo suonato ovunque in Italia, amiamo l’Italia. Qui ci sono alcuni dei nostri più scalmanati fans.

Tony: La reazione del pubblico al documentario è stata così emotiva.

Gary: In Italia c’è un’onestà e un’emotività che è impossibile ritrovare in Inghilterra. Non ho mai apprezzato abbastanza quanto siamo amati in Italia. E’ in Italia che il nostro Through The Barricades vendette più copie di Born In The USA e Thriller. Credo che la voce di Tony ha fatto la differenza qui. Gli italiani hanno una sensibilità spiccata nei riguardi della voce e della melodia.

John: La gente è meno diffidente in Italia.

Tony: Un’intera famiglia italiana ci ha abbracciato, la nonna, i ragazzi, i bambini.


Qual è il vostro monumento e il vostro momento romano preferito?

Tony: Il ristorante Sabatini a Trastevere.

Gary: Sicuramente i due fratelli Sabatini, proprietari del ristorante, che cantavano la lirica mentre eravamo a tavola.

Martin: Roma è una città magnifica. E’ fantastico girare in macchina e vedere i Fori davanti a te, avere la Roma Antica ai tuoi piedi.

Il potere della voce di Tony ha toccato le corde dell’emotività degli italiani, lo ha dimostrato la travolgente risposta e la standing ovation che il pubblico romano ha riservato agli Spandau Ballet alla fine della proiezione di Soul Boys Of The Western World al Rome Film Festival.
http://www.spandauballetthemovie.com/

http://www.spandauballet.com

Italia 2015 Soul Boys of the Western World Tour

24 marzo 2015 – MILANO, Mediolanum Forum
26 marzo 2015 – TORINO, Pala Alpitour
27 marzo 2015 – PADOVA, PalaFabris
28 marzo 2015 – FIRENZE, Mandela Forum
30 marzo 2015  – ROMA, PalaLottomatica

Il loro ultimo album, The Story – The Very Best Of Spandau Ballet, è appena uscito ed è al n. 8 delle classifiche inglesi.

Noi gli auguriamo un successo senza fine…

This entry was posted in FASHION, INTERVIEWS, ITALY, ITALY MAGAZINE, LONDON, ROME. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s